I cookie aiutano a fornire servizi di qualità. Navigando su questo sito accetti il loro utilizzo. Informazioni
Registrazione dominio .gov.it

Parte l"operazione pulizia dei siti web della pubblica ammi­nistrazione. Nel mirino le pagi­ne online poco aggiornate, ambi­gue (nel senso che non risulta di immediata comprensione la na­tura pubblica del sito), addirittu­ra fuorvianti, perché con infor­mazioni ormai desuete. In un prossimo futuro, le amministra­zioni che intenderanno presentarsi sulla rete dovranno iscriver­si al dominio "gov.it". Una sorta di certificato di au­tenticità, che consentirà al citta­dino di riconoscere immediata­mente un determinato sito co­me pubblico, garantendogli, al contempo, di trovarsi al cospet­to di notizie aggiornate e verifica­te, che provengono direttamen­te da quell"amministrazione.

Il progetto è partito nel no­vembre 2009 con una direttiva della Funzione pubblica e diven-terà operativo non appena sa­ranno disponibili le linee guida e il vademecum che spiegherà alle pubbliche amministrazioni come fare per iscriversi al domi­nio gov.it. I due documenti, che dovranno vedere la luce entro il 26 febbraio, sono già in fase di elaborazione presso la Funzio­ne pubblica, che si avvale del supporto tecnico dell"ex Cnipa, ora DigitPa. Quest"ultimo è, tra l"altro, chia­mato in causa anche nel momen­to di registrazione al dominio gov.it, attivo dal 2002: è, infatti, a DigitPa che deve essere inviata la lettera di assunzione di respon­sabilità di chi intende utilizzare il dominio governativo. Il centro per l"informatica pubblica, una volta effettuate le verifiche, prov­vede quindi alla registrazione del nuovo sito. D"ora in poi, con l"entrata a re­gime dell"operazione di pulizia dei siti pubblici, DigitPa dovrà anche tenere il conto, aggiornan­dolo ogni trimestre, delle regi­strazioni al dominio gov.it.

Que­sto consentirà alla Funzione pub­blica di monitorare in modo più agevole le pagine pubbliche onli­ne, di valutarne l"efficienza e la qualità e, anche sulla base delle considerazioni dei cittadini, di segnalare le migliori esperienze. E questo entrando nel sito internet www.accessibile.gov.it, creato appositamente per permettere a tutti di segnalare la qualità e la fa­cilità di consultazione delle pagi­ne online approntate dalle ammi­nistrazioni pubbliche.

Il sito, già attivo, verrà implementato per poter rispondere anche alle esi­genze create dalla nuova opera­zione di rottamazione. Infatti, poiché è improbo avere il conto di quanti siti pubblici non hanno più le caratteristiche per essere mantenuti in vita perché ormai inutili, quando non addirittura nocivi, saranno i cittadini a se­gnalare la presenza di pagine da rottamare che continuano a cir­colare sulla rete. A quel punto la Funzione pub­blica farà le dovute verifiche e se accerterà che le indicazioni cor­rispondono a verità, cancellerà dalla faccia di internet il sito. Nel caso, invece, di segnalazione er­rata, il sito, se vorrà continuare a presentarsi come pubblico, do­vrà assumere anche la denomi­nazione gov.it.

Servizi